Primo piano - Page 15

Vita da freelance: il gusto agro-dolce della libertà

2.942 visualizzazioni

Se mi leggete qui, è perché, da quasi due mesi, ho deciso di lasciare il posto fisso a Vanity Fair, dove mi occupavo di attualità, per diventare un freelancee poter scrivere anche altrove. Il primo mese è stato tanto duro quanto eccitante ma, più di tutto, è stato istruttivo, e mi ha permesso di scoprire

Esclusivo: Polonia, i cattolici e la “peste arcobaleno“

5.837 visualizzazioni

Dalla nostra corrispondente a Varsavia Nel momento in cui papa Francesco entra pesantemente nelle vicende politiche italiane schierandosi contro Salvini e i decreti sicurezza, dalla Polonia si leva una voce autorevole nettamente diversa, assolutamente controcorrente e “politicamente scorretta”… E si scatena la censura. Ieri (sabato 10), a Cracovia, si è svolta una manifestazione di sostegno

Intervista a Elena Zanella: «Fundraising, 12 miliardi per il terzo settore»

2.323 visualizzazioni

«Nel fundraising, il denaro è l’ultimo dei problemi». Una frase che sembra un paradosso, soprattutto se a pronunciarla è una leader del settore come Elena Zanella, che da circa venti anni si occupa di tutti gli aspetti relativi al mondo della donazione in Italia. Laurea in Scienze e tecnologie della Comunicazione, master in Social Entrepreneurship.

Un santo dubbio: ma il patriottismo è odio?

3.114 visualizzazioni

Questa che vi raccontiamo è una storia “antica”, risale a ben 37 anni fa. In quel 1982 l’Argentina aveva attaccato militarmente le isole Falkland (per loro Malvinas): gli inglesi non sarebbero stati a guardare. Inutili i molteplici appelli per giungere ad accordi pacifici. A quei tempi era papa Giovanni Paolo II, uomo di intelligenza e

Sergio Gaddi: «Dal “miracolo” Forza Italia al boom di Salvini»

1.992 visualizzazioni

Giungiamo all’ultima parte di questa intervista dopo che Sergio Gaddi ci ha raccontato come fu letteralmente costruito il “miracolo Forza Italia” e il clima che si respirava in quei mesi di profondo cambiamento, sia politico che sociale. Adesso facciamo un balzo in avanti, e arriviamo ai giorni nostri: è oggettivamente innegabile che Matteo Salvini sia

Nascita di Forza Italia: le immagini dei “provini” del 1994

1.749 visualizzazioni

Riprendiamo l’intervista a Sergio Gaddi da dove ci siamo lasciati ieri, ovvero dal racconto di una fase storica e innovativa al tempo stesso, perché oltre a mutare radicalmente quello che oramai sembrava il naturale corso degli eventi – ovvero la vittoria della “gioiosa macchina da guerra” guidata da Achille Occhetto – sovvertì per sempre i

Politica e social (5): gli opposti silenzi di Lgbt e Vaticano

/
3.157 visualizzazioni

“Un bel tacer non fu mai scritto” si diceva una volta e che il silenzio sia d’oro, nell’era del chiasso digitale, potremmo crederlo ma, a volte, ci sono silenzi che si notano più ancora delle urla. Nella vicenda di Bibbiano ci sono dei silenzi che parlano molto chiaramente di imbarazzo, seppure per opposte ragioni. Il

Politica e social (4): in Piemonte la guerra dei post, in Emilia la Commissione beffa

2.173 visualizzazioni

Il vero “capolavoro” di suicidio comunicativo del Pd riguarda alcuni comportamenti dei gruppi regionali in Friuli Venezia Giulia e in Piemonte il giorno 25 luglio. In Friuli, durante l’esame dell’assestamento di bilancio, viene presentato un emendamento che introduce, in via sperimentale, la videoregistrazione di colloqui o audizioni di minori nell’ambito dei procedimenti giudiziali, stragiudiziali e

Stragi in Texas e Ohio, Trump contro suprematisti e media

1.981 visualizzazioni

«Il razzismo e il suprematismo sono ideologie che non devono avere diritto di cittadinaza in America e dovranno essere sconfitte, è il momento di unirci contro l’odio, e l’America vincerà la sfida», queste le parole con cui, rivolgendosi alla nazione in diretta tv, Donald Trump ha condannatto senza se e senza ma qualsiasi rigurgito razzista,

Politica e social (3): gli atti parlano i giornali tacciono

/
1.692 visualizzazioni

Nella case history di comunicazione politica che è diventata il “caso Bibbiniano” abbiamo lasciato un Pd imbarazzato reagire sposando la tesi del complottismo. Intanto, l’8 luglio, il sindaco di Bibbiano viene sospeso dall’incarico e gli vengono confermati gli arresti domiciliari. Potrebbe essere l’occasione per sospenderlo dal partito, ma il Pd respinge l’idea, anche perché continuano

Orwell.live vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli