Category archive

Cultura

Posted on in Cultura

Gli innovatori (6): Roberto D’Agostino, la “spia” dei tempi

Roberto D’Agostino è un volto noto della televisione italiana. Giornalista e opinionista, è conosciuto anche per essere stato protagonista di diversi battibecchi televisivi. Nato a Roma nel 1948, il suo primo impiego arriva a 18 anni come ragioniere presso l’azienda Breda; due anni dopo la madre gli fa ottenere una raccomandazione per la Cassa di… Continua a leggere

Posted on in Cultura

Il castello di Gabiano: un gioiello del Monferrato

Nel basso Monferrato, cuore del Piemonte e patrimonio dell’Unesco, spicca, in posizione dominante sulla valle del Po, il Castello di Gabiano tra i più antichi e vasti del Monferrato. Il castello ha subito molti restauri nel corso della sua storia ma il più importante risale agli inizi del ’900 e fu fortemente voluto dalla marchesa… Continua a leggere

Posted on in Cultura

Gli innovatori (5): Steve Jobs, un uomo chiamato futuro

Definire Steve Jobs non è certo una cosa semplice: lo si può indicare in vari modi, tutti assolutamente in linea con la sua vita: imprenditore, inventore, genio informatico, ma anche leader carismatico e vero e proprio guru del progresso tecnologico. È conosciuto per essere stato il co-fondatore di Apple e amministratore delegato della stessa fino al 2011… Continua a leggere

Posted on in Cultura

Gli innovatori (4): gli Olivetti crearono la Apple italiana

Costituita nel 1908 come “prima fabbrica nazionale di macchine per scrivere”, fin dagli inizi l’Olivetti si distingue per l’attenzione alla all’innovazione, alla cura del design e alla sensibilità verso gli aspetti sociali del lavoro. Camillo Olivetti, padre di Adriano, nasce il 1868 a Ivrea: la madre benestante e il padre è un venditore di stoffe.… Continua a leggere

Posted on in Cultura

Gli innovatori (3): Phil Knight, sempre un passo avanti con Nike

Phil Knight è un imprenditore, dirigente e produttore cinematografico statunitense, noto per essere stato il presidente e CEO della Nike per più di 50 anni. Nato a Portland , nel 1938, si laurea nel 1959 in contabilità presso l’Università dell’Oregon e inizia a lavorare come contabile prima per Coopers&Lybrand e, poi, per Price Waterhouse. Finiti… Continua a leggere

Posted on in Cultura

Gli innovatori (2): Benjamin Day, il primo business man del giornalismo

Benjamin Henry Day, 1810 West Springfield, Stati Uniti—1889, New York. Henry Day è stato un importante editore, ma è conosciuto principalmente per aver fondato il New York Sun: il primo “penny press” americano, un quotidiano a basso prezzo e quindi popolare, inaugurando la stagione storica della stampa quotidiana. Nasce a Springfield, nel Massachussets, e comincia… Continua a leggere

Posted on in Cultura

Gli innovatori (1) – Edward Bernays, il primo consulente di pubbliche relazioni

Edward L. Bernays, 1891, Vienna, Austria—1995, Cambridge, Stati Uniti. Editore americano, è considerato il primo ad aver sviluppato l’idea del consulente professionale di pubbliche relazioni, ovvero un professionista che si avvale delle scienze sociali per motivare e plasmare la risposta di un pubblico. Edward Bernays, sebbene nato a Vienna, si trasferisce all’età di un anno… Continua a leggere

Posted on in Cultura

L’edera parassita

«E disdegnando di esser l’edera parassita, pur non la quercia essendo o il gran tiglio fronzuto, salir – anche non alto – ma salir senza aiuto» L’ho vista stamane: furba e infame, spuntare dalla cima del grande abete, alto più di 5 piani. Con le sue fogliette di un verde così brillante da sembrare irritante… Continua a leggere

Posted on in Cultura

Senza Zanza non è estate

Mettere piede sulla Rivera Romagnola sapendo che non c’è più Zanza è un po’ com’era guardare un Gran Premio di Formula 1 dopo la morte di Senna o ascoltare i Queen dopo la scomparsa di Freddie Mercury: la malinconia viaggia di pari passo alla consapevolezza di quel “non sarà mai più come prima” grande come… Continua a leggere

Posted on in Cultura

Ricordi, Amore?

«Tutto io di te ricordo, ho di te tutto amato: io so che un giorno, il dodici maggio, l’anno passato, tu mutasti la foggia dei capelli». Edmond Rostand Io di te nulla ricordo. A stento il nome, che confondo tra gli pseudonimi e i “nick” che usi sui social; quasi neppure più il volto, che… Continua a leggere

Vai a In alto