Category archive

Editoriali

Posted on in Editoriali

Bibbiano: l’intollerabile arroganza del sistema

Se qualcuno sperava col passare del tempo che sull’inchiesta “Angeli e demoni” calasse il sipario e finisse nel dimenticatoio, si è dovuto ricredere, perché, al contrario, adesso si è messa in moto anche la tv di Stato (effetto Foa?). Lo ha fatto ieri con la diffusione di nuove intercettazioni che confermano sempre più l’arroganza e… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

La sfida di Orwell approda al Meeting di Rimini

È partita ieri l’edizione numero 4o del Meeting di Rimini, che quest’anno ha come titolo «Nacque il tuo nome da ciò che fissavi», verso di una poesia di Karol Wojtyla dedicata alla Veronica intitolata Il Nome: un modo per riaffermare la necessità di riappropriarci di noi stessi e delle cose che ci circondano partendo proprio… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

Salvini dalla A alla Zeta

Alleanze: quella con il M5S ha raggiunto il livello “Guerra dei Roses”: arrivati a questo punto o si faranno veramente male o si renderanno improvvisamente conto che sono arrivati a odiarsi perché si amano ancora. Quanto al centrodestra, Salvini non lo ammetterà, ma ove mai potesse farebbe volentieri a meno di Berlusconi e Meloni puntando… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

“La fattoria degli animali” di Orwell, 74 anni e non sentirli

Uno dei motivi per cui ci ispiriamo a George Orwell è certamente la sfrontatezza con cui ha sempre marciato in direzione ostinata e contraria a quella del politicamente corretto e del pensiero unico, anteponendo le proprie idee ai tornaconti personali. Per lui vivere era scrivere, e lottare significava nascondere la verità sotto le mentite spoglie… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

Siamo diventati digitali grazie ai videogame

Ted Dabney è un personaggio il cui nome alla maggior parte di voi non dirà nulla, fatto sta che gli spetti di diritto un posto d’onore nella “Hall od Fame” dei protagonisti assoluti della digitalizzazione della nostra società. Schivo, e per questo oscurato dal suo socio Nolan Bushnell, negli anni ’70 diede letteralmente vita a… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

Montagna a Ferragosto, connessione mia non ti conosco

Ospitiamo con vero piacere un intervento di Augusto Grandi sul problema del “digital divide” che affligge le regioni alpine italiane. Il problema del digital divide, sollevato giustamente da Orwell, pare non interessare più di tanto alcune delle realtà maggiormente penalizzate. Pare che gli abitanti dei territori montani e, soprattutto, alpini a causa dell’altezza delle montagne… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

Il grande fake dei “miliardi bruciati” dalla Borsa

Eccoci di nuovo. Ogniqualvolta si presenta una flessione sui mercati finanziari, soprattutto se vicino a elezioni (vere o presunte), inizia un terribile can can informativo fatto di titoli catastrofici e “miliardi bruciati”; di immagini di operatori di borsa con i gomiti appoggiati al tavolo e le mani a coprirsi il viso; di grafici che scendono come… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

Elezioni: in campo anche il partito salva-Bibbiano?

In questi giorni di grande confusione politica è chiaro ormai che si sta formando il partito unico del “evitiamo il voto”. Ma dietro alle manovre, agli inciuci, alle offerte indecenti, a volte si celano anche interessi vergognosi se non osceni. Dopo i fatti di Bibbiano che hanno mostrato chiaramente, le manipolazioni ideologiche e gli interessi… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

Renzi, l’erede di Fini

Renzi e Fini non lo sanno, ma sono arrivati entrambi sull’orlo del precipizio a braccetto con le stesse compagne: Incoerenza e Arroganza. Due storie, le loro, che per quanto possano apparire completamente differenti, in alcuni passaggi si somigliano a tal punto da sembrare farina del medesimo sacco, ultimo dei quali è l’intervista attraverso cui l’ex… Continua a leggere

Posted on in Editoriali

Censura dei social: il suicidio di Facebook

Se voi aveste un’azienda molto ma molto florida che opera in una sorta di monopolio mondiale nel nome della libertà d’espressione, accettereste di perdere la credibilità (e milioni di dollari di pubblicità) per accontentare qualche censore che non ha capito il ruolo dei social? Accettereste di perdere la faccia (in questo caso il termine è… Continua a leggere

1 2 3 5
Vai a In alto