Salvatore Stanizzi

Bloomberg for president: l’America ha davvero bisogno di una sfida tra miliardari?

468 visualizzazioni

Esiste un detto dalle mie parti: “quando senti elettricità nell’aria, vuol dire che devi prepararti alla tempesta”. È passato quasi un anno, sotto i colpi dei dibattiti sono caduti i primi candidati, eppure, solo nelle ultime ore la vera tempesta si è affacciata in casa democratica. Ha un nome e un cognome: Michael Bloomberg. Il

ELEZIONI USA: un piccolo “Super Tuesday” tutto da capire

/
382 visualizzazioni

Il meraviglioso mondo elettorale americano ha una peculiarità tutta sua: fa parlare chiunque, anche a vanvera. Soprattutto qui in Italia. Tre giorni fa, si è votato in un – impropriamente definito – Super Tuesday, per lo scranno di governatore in Kentucky e in Mississippi, per il parlamento statale del Commonwealth of Virginia e per la

Democratici al IV dibattito: divisi su tutto tranne che sull’impeachment

381 visualizzazioni

Martedì notte, in Ohio (tarda mattinata di ieri in Italia) si è tenuto il quarto dibattito democratico. Questa volta erano in dodici sul palco che hanno risposto a dodici domande, con l’aggiunta di una tredicesima di stampo personale. Il primo argomento trattato, effettivamente scontato, riguarda l’impeachment del presidente. I candidati sono stati concordi nell’affermare che

La Casa Bianca? I democratici la consegnano per la seconda volta a Trump

/
420 visualizzazioni

L’impeachment che i democratici hanno chiesto e che non otterranno contro Donald Trump si è rivelato un boomerang. Non sono i sondaggi a dircelo, ma i numeri. I calcoli, in questo caso, non sono stati corretti. Se è dunque quasi certo che i democratici riusciranno a far partire la procedura alla Camera e, come vuole

Impeachment, il testo della conversazione tra Trump e Zelensky – in aggiornamento

1.224 visualizzazioni

La Speaker Nancy Pelosi ha annunciato l’apertura di una procedura formale di impeachment contro Donald Trump con queste parole: “questa settimana, il presidente ha ammesso di aver chiesto al presidente ucraino di prendere azioni che potrebbero dargli un beneficio politico. Le azioni della presidenza Trump hanno rivelato fatti disonorevoli che dimostrano il tradimento del presidente

Il giudice Kavanaugh nel mirino Dem

560 visualizzazioni

Brett Kavanaugh, giudice della Corte Suprema nominato da Donald Trump e confermato dal Senato il 6 ottobre 2018 con uno striminzito 50-48, è ancora sotto accusa per molestie sessuali. Il tutto nasce dal libro The education of Brett Kavanaugh, a cura di Robin Pogrebin e Kate Kelly (le autrici dell’articolo pubblicato sul New York Times).

Dibattito democratico senza colpi da ko

665 visualizzazioni

Il Dibattito democratico del 12 settembre è stata la prima occasione in cui i dieci maggiori contendenti per la nomination si sono ritrovati tutti sullo stesso palco con la prospettiva, ormai scontata, che uno di loro dovrà sfidare Donald Trump nel novembre 2020. Il front runner Joe Biden – saldamente in vantaggio nei sondaggi – è stato

Immigrazione clandestina, la Corte Suprema dà ragione a Trump

2.740 visualizzazioni

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha concesso una vittoria importante, anche se momentanea, a Donald Trump. La scorsa sera, i giudici, con 7 voti favorevoli e 2 contrari, hanno deciso di revocare il blocco imposto dal giudice Jon Tigar, della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto della California, su una norma concernente

Diciamo no alla politica che scatena insulti e minacce di morte

4.828 visualizzazioni

Il nuovo Governo ha giurato solo giovedì nelle mani del Presidente Mattarella e sono bastate poche ore per vedere due personaggi politici, agli antipodi, entrare nell’occhio del ciclone dei social. Si tratta di Teresa Bellanova, neo ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali e di Matteo Salvini, leader della Lega ed ex Ministro dell’interno. Iniziamo

Pigasus: un maiale per presidente

8.604 visualizzazioni

Il 28 agosto 1968, il Youth International Party, candidò un maiale domestico, denominato Pigasus, alla carica di Presidente degli Stati Uniti. Il tutto avvenne pochi giorni prima dell’apertura della Convention democratica a Chicago, che incoronò Hubert Humphrey, vicepresidente uscente, poi sconfitto da Nixon il successivo 5 novembre. Gli Yippies – membri del YIP – erano

Orwell.live vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli