Matteo Melani

Il presidente dei giovani innovatori: serve maggiore digitalizzazione

121 visualizzazioni

Impresa, politica, formazione: l’innovazione abbraccia tutti i settori della società e, se sostenuta nel modo giusto, può portare benefici per tutti. Sposando questa idea è nata Angi, Associazione nazionale dei giovani innovatori. Si tratta della prima organizzazione non profit creata per sensibilizzare gli attori del “sistema Italia” sul valore del digitale. «Non ci limitiamo a

L’autarchia hi-tech della Cina preoccupa gli USA

223 visualizzazioni

Se fino a qualche decennio fa la supremazia di una nazione si misurava dagli armamenti a disposizione, oggi sta entrando in gioco una nuova componente: la tecnologia informatica. Il caso della Cina dimostra che, per dominare il mondo, non servono eserciti ma che, oltre agli investimenti nell’industria, occorre puntare molto anche sull’innovazione tecnologica. L’obiettivo cinese

Anche Trump è vulnerabile

580 visualizzazioni

Che le nostre informazioni condivise sui social, cercate in rete o lasciate sullo smartphone, non siano al sicuro ormai è noto (all’argomento abbiamo dedicato molti articoli). Che, però, si potessero controllare (e sapere) i movimenti del presidente americano attraverso un semplice smartphone… questo nessuno se lo sarebbe aspettato. A rivelare il fatto è stato il

Digitalizzazione: i musei italiani sono ancora indietro

274 visualizzazioni

Nonostante i musei del nostro Paese siano fra i più visitati al mondo per il prestigio delle opere d’arte che conservano, a oggi rimangono piuttosto arretrati in quanto a uso delle nuove tecnologie. A dirlo è uno studio dell’Istat che rileva che, nel mondo museale italiano, la digitalizzazione ancora non si è completata. Il ritardo

Diritti d’autore: è illegale vendere e-book usati

426 visualizzazioni

La Corte di Giustizia europea ha dichiarato che è illegale vendere e-book usati. La decisione arriva dopo una disputa giudiziaria tra TomKabinet.nl, e-commerce di libri digitali, e due associazioni (entrambe olandesi) che tutelano gli interessi degli editori: la Dutch Publishers Association (NVU) e la General Publishers Group (GAU). Essendo una decisione emessa dalla Corte di

Star Wars online, occhio ai siti pericolosi

1.136 visualizzazioni

Nel periodo delle vacanze di fine anno escono al cinema titoli attesi tutto l’anno; molte persone però, anziché andare nelle sale, preferiscono rimanere a casa e guardare i film da siti streaming. Ebbene diversi “criminali informatici”, promettendo di guardare gratuitamente un determinato film rubano dati sensibili. L’ultimo caso riguarda Star Wars: L’ascesa di Skywalker, ultimo

2019: l’“annus horribilis” di re Zukerberg

1.015 visualizzazioni

Per Facebook si chiude un anno con molte grane legate alla violazione della privacy. Il sempre meno popolare social-network, infatti, ha dovuto affrontare problemi di varia natura: da quelli giudiziari (con cause legali in diversi Paesi del mondo con richieste di risarcimenti mosse da associazioni di tutela dei consumatori), a quelli commerciali (eliminando prodotti dal

5G, il presente e il futuro della nuova rete

498 visualizzazioni

Ormai il 5G rappresenta un punto fermo nel futuro delle telecomunicazioni. Grazie alla sua potenza è in grado di accelerare tutte quelle operazioni quotidiane che hanno a che fare con il digitale e che saranno utili sia per le aziende sua per le persone che sempre più dovranno ricorrere a transazioni e informazioni digitali. Rappresenta

Logistica: i robot rubano 500 mila posti di lavoro

1.035 visualizzazioni

Con l’avvento della digitalizzazione oggi e della robotica, nei prossimi anni, molto probabilmente si perderanno ben 500.000 posti nel settore della logistica. L’allarme arriva da Randstad Research che, nel suo rapporto “Le nuove sfide per il futuro del lavoro nella logistica”, spiega le evoluzioni da qui fino al 2027. I primi a essere sostituiti dalle macchine

Deliveroo: pubblicità ingannevole vietata

/
424 visualizzazioni

Per la seconda volta Deliveroo, la compagnia di consegna di cibo online, fondata nel 2013 da Will Shu e Greg Orlowski, a Londra, finisce sotto la lente dell’Autorità inglese per la pubblicità. Questa volta ha vietato uno spot televisivo della compagnia perché giudicato ingannevole. Secondo il rapporto dell’Asa (Advertising Standards Authority), il contenuto della pubblicità

Orwell.live vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli