Sicurezza online: consigli per gli acquisti

Nel periodo natalizio si moltiplicano i casi di pirateria informatica e furto di dati

tempo di lettura: 3 minuti

I mesi di novembre e dicembre sono il periodo dell’anno in cui si fanno, in assoluto, più acquisti online. In vista del Natale, moltissima gente, in tutto il mondo, approfitta di sconti speciali (come per il Single Day, il Black Friday o l’appena concluso Cyber Monday) per comperare regali a prezzi convenienti.

Ebbene, dietro a offerte vantaggiose, sconti e opportunità si nascondono spesso rischi legati agli acquisti online che hanno ormai superato come mole complessiva quelli sul punto vendita.

A dirlo è Kaspersky, la celebre azienda russa specializzata nella produzione di software per la sicurezza. In un recenterapporto ha, infatti, evidenziato che proprio in questa parte dell’anno la probabilità di attacchi informatici aumenta del 24%.

Con il boom dell’e-commerce, oltre ai consumatori anche i venditori rischiano di essere vittime di truffe online. Infatti, nei primi tre trimestri del 2019, Kaspersky ha scoperto due nuovi malware (Anubis e Gustuff) in grado di entrare nelle banche dati dei siti di shop online e impossessarsi delle credenziali dei clienti (nomi, password e carte di credito).

Per questo motivo occorre potenziare i sistemi di sicurezza che possano preservare l’integrità dei dati sensibili. I consigli che l’azienda offre a chi possiede una piattaforma di e-commerce sono chiari. Innanzitutto, utilizzare un servizio di pagamento affidabile e aggiornarlo periodicamente con il software di trading online (i più sicuri contengono delle patch per rendere il sistema meno vulnerabile ai criminali informatici); poi, usare un servizio di cyber-security personalizzato; infine, munirsi di un dispositivo online antifrodi.

Quanto agli utenti, la prevenzione rimane la prima azione da fare per difendersi dalle minacce.

Siccome oltre a malware che spillano soldi in Rete girano virus in grado di infettare il sistema operativo, occorre fare periodicamente la scansione antivirus del proprio computer. Sempre sul fronte dei dispositivi privati è una buona abitudine aggiornare le applicazioni.

Per cautelarsi dalle truffe online, i consigli sono quelli di affidarsi a siti ufficiali e non aprire link o allegati sospetti che promettono prezzi troppo vantaggiosi. Poiché i pericoli ci sono, poi, tutto l’anno e si nascondono pressoché in tutte le attività, bisogna utilizzare password uniche e complesse per ogni account online, magari servendosi di un generatore di codici.

 

Lascia un commento

Orwell.live vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli