Le reazioni dei leader di tutto il mondo

tempo di lettura: 3 minuti

Giovanni Paolo II

Prego anche perché questo alto inumano non indebolisca
nei cuori dei popoli del mondo la ferma volontà di rifiutare ogni
forma di violenza

(13 settembre 2001)

Dalai Lama

E molto difficile stabilire come rispondere ad un attacco
come questo, ma io sento che è necessario usare grande cura e
riflessione, e che è appropriato reagire ad un atto
di violenza utilizzando i principi della non violenza.

(11 settembre 2002)

Henry Kissinger

Il popolo statunitense non permetterà che il suo morale
si veda scalfito con questi metodi.

(12 settembre 2001)

Carlo Azeglio Ciampi

Questi attentati richiedono una lotta senza quartiere contro
il terrorismo. Sappiamo difendere i valori che sono alla base
della civiltà e della pacifica convivenza dei popoli.

(11 settembre 2001)

Silvio Berlusconi

Adesso che si è visto quali ferite può aprire nel corpo
della democrazia americana, dunque nel cuore del mondo libero,
anche i sordi cominceranno ad intendere, anche i ciechi a vedere.

(11 settembre 2001)

Vladimir Putin

Caro George, barbari atti terroristici diretti contro persone
pienamente innocenti producono in noi rabbia e indignazione…

(11 settembre 2001)

Tony Blair

E il nuovo Male dei nostri giorni. E’ perpetrato da fanatici.
Stiamo spalla a spalla con gli amici americani.

(11 settembre 2001)

Gerhard Schroeder

Questi crimini orrendi sono una dichiarazione di guerra
all’intero mondo civile.

(11 settembre 2001)

Rudolph Giuliani

Voglio invitare la popolazione a rimanere calma e restare
a casa. La cosa principale da fare è di restare calmi e pregare.

(11 settembre 2001)

Muammar Gheddafi

Malgrado le differenze politiche con gli Stati Uniti, dobbiamo
offrire il nostro aiuto ai cittadini statunitensi,
di fronte a questi terribili attacchi.

(12 settembre 2001)

Regina Elisabetta

Con crescente incredulità e totale sconcerto per gli attentati
voglio inviare un messaggio di profonde condoglianze.

(11 settembre 2001)

Jacques Chirac

Gli attentati che hanno colpito oggi gli Stati Uniti d’America
sono una tragedia spaventosa.

(11 settembre 2001)

Romano Prodi

Non permetteremo al terrorismo di dividere il mondo com’è nelle
sue azioni e come è nelle sue intenzioni. Nelle ore più buie per
l’Europa l’America ci è stata vicina, e noi oggi siamo vicini
all’America.

(12 settembre 2001)

Pervez Musharraf

Il Pakistan ha già collaborato in passato per combattere
il terrorismo e continuerà in questa direzione.

(13 settembre 2001)

Woody Allen

Alla fine non resta altro che questo effetto drammatico, come in
un film di James Bond: viviamo quasi in una drammatica trama
di Hollywood, ma senza un senso da cogliere.

(19 settembre 2001)

Fidel Castro

Oggi si compiono sei lunghi anni da quel doloroso episodio.
Adesso sappiamo che ci fu una disinformazione deliberata (..).

(13 settembre 2007)

Noam Chomsky

Non c’è nessuna giustificazione, ma possiamo considerare
gli Stati Uniti vittima innocente
solo se prendiamo la strada più comoda.

(settembre 2001)

Shimon Peres

E’ indispensabile rafforzare la strategia di lotta
contro il terrorismo. Quello che era valido fino ad ora
lo è ancora di più alla luce dei fatti di oggi.

(11 settembre 2001)

Mohammad Khatami

Il terrorismo va condannato e la comunità internazionale
dovrebbe prendere misure efficaci per sradicarlo.
La mia profonda simpatia va alla nazione americana.

(11 settembre 2001)

Lascia un commento

Orwell.live vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli